Odontoiatria

Trattamenti odontoiatrici


Visita Specialistica Diagnostica

Prima visita: la prima visita é lo strumento con il quale il dentista/odontoiatra diagnostica le patologie della bocca, le possibili terapie da attuare e le eventuali alternative terapeutiche.

Visite di controllo: le visite di controllo servono al paziente per avere un monitoraggio costante della situazione orale e prevenire, o curare sul nascere, alcune patologie prima che queste degenerino.

Igiene Dentale

Prevenzione di tutte le patologie del cavo orale mediante terapie e trattamenti quali: detartrasi, diagnosi di igiene dentale, applicazioni di fluoro e desensibilizzanti, istruzioni di tecniche di igiene, indicazioni alimentari e prescrizione di collutori e presidi di igiene domiciliare.

Odontoiatria Conservativa

Otturazioni: l’otturazione é la ricostruzione di una parte di dente, eseguita alla poltrona dal dentista con vari tipi di materiali che generalmente, negli ultimi anni, rientrano nella categoria delle resine composite.

Intarsi: l’intarsio é la ricostruzione di un dente eseguita in Laboratorio sulla base di un’impronta predisposta dal dentista. L’intarsio può essere costituito di materiali vari ma, attualmente, si preferisce il composito che coniuga resistenza ed estetica.

Endodonzia

L'Endodonzia è la branca dell'Odontoiatria che si occupa delle patologie della polpa (il cosiddetto "nervo") dei denti e degli effetti che tali patologie possono causare sui tessuti ossei limitrofi alla radice del dente interessato (i "granulomi) e sui tessuti mucosi corrispondenti ai denti interessati (ad es. infiammazione o, addirittura, fistole).

Si eseguono:
  • devitalizazioni: terapie con la quale i canali del dente vengono svuotati dalla polpa “malata” e riempiti con del materiale da otturazione.
  • ritrattamenti canalari: ripetizioni della devitalizzazione quando questa presenta imprecisioni.

Pedodonzia (Odontoiatria Pediatrica)

E' la branca dell'Odontoiatria che si occupa dell'odontoiatria rivolta ai bambini, ossia di tutte le terapie di odontoiatria conservativa, estrattiva e di endodonzia eseguite.

Patologia Speciale Odontostomatologica

Comprende la Diagnosi, ossia la ricerca di infezioni, infiammazioni e lesioni che posso essere segnali clinici di una patologia e la Terapia farmacologica e/o chirurgica delle patologia di mucose e ossa.

Odontoiatria Protesica

Si occupa di ripristinare l’estetica e la funzione dei denti quando questi sono molto compromessi. Si divide in protesi mobile e protesi fissa.

Protesi mobile: le richieste più frequenti riguardano la riabilitazione dell'edentulia totale o parziale (mancanza di denti), non solo per potersi alimentare adeguatamente e correttamente, ma anche per una buona estetica.

Si distinguono in:
  • protesi totale mobile: sostituzione dei denti mancanti con delle protesi, comunemente definite dentiere, che il paziente può rimuovere per l’igiene giornaliera.
  • protesi parziale mobile: quando vi sono residui di denti, questi possono essere usati quali supporto per una protesi che va a sostituire i denti mancanti. Ha un appoggio mucoso in resina e dei ganci di ritenzione in metallo sui denti rimasti.
  • protesi scheletrica: pari alla protesi parziale mobile, quella scheletrica sostituisce l’assenza parziale di denti avvalendosi di una struttura in lega metallica che conferisce maggiore precisione e stabilità.
Protesi fissa: la protesi fissa (corone e ponti) viene cementata su elementi dentari preventivamente trattati oppure sugli impianti. Tutti i materiali utilizzati sono ad alta biocompatibilità e sono testati clinicamente.

Possono essere utilizzate:
  • Corone in leghe preziose e ceramica: il dente ridotto a moncone è ricoperto con un guscio in struttura metallica. La copertura della struttura metallica avviene in ceramica, date le caratteristiche estetico-funzionali.
  • Corone in zirconio e ceramica: le corone prodotte con questa tecnologia soddisfano le più alte esigenze estetiche: lo zirconio offre un'alta trasparenza (traslucenza) che dona al risultato finale una naturalezza pari a quella dei propri denti.

Implantologia

L'implantologia utilizza tecniche chirurgiche atte a sostituire i denti mancanti mediante l’uso di impianti endoossei. Si tratta di viti in titanio applicate chirurgicamente alle ossa della bocca (mandibola e mascella) sulle quali possono essere montati, con l’ausilio di connessioni, le corone protesiche.
L’implantologia può correggere la mancanza di denti parziale o totale con l’ausilio di protesi che possono essere fisse (come le corone) o con protesi mobili, simili alle dentiere, che ottengono maggiore stabilità grazie alla connessione all’impianto.

Per meglio definire le protesi su impianti si può dire che:
  • l’assenza di un dente può essere corretta con un impianto endoosseo che simula la radice ed una capsula che rimpiazza la corona del dente.
  • l’assenza di 3 denti può esser corretta con un ponte di 3 capsule collegate agli estremi da due impianti.
  • l’assenza di una arcata intera (tutti i denti superiori o inferiori) può esser corretta con un impianto ogni 2 denti (fino a 6/8 impianti), per sorreggere un unico ponte che viene così definito circolare. In alternativa, quando le condizioni non permettono i 6/8 impianti, possono essere inseriti un minimo di impianti (2/4) utili a sorreggere una protesi mobile che così guadagna stabilità.
Rialzo del seno mascellare.
Nel caso l’osso della mascella (arcata superiore) non è sufficiente per l’inserimento di impianti, questo può essere incrementato con l’innesto di materiale biocompatibile che, spostando una membrana presente nel seno mascellare (cavità che si trova sopra la mascella e dietro il naso), crea il sito dove inserire l’impianto.
L’osso sintetico applicato deve esser lasciato attecchire 6 mesi prima dell’inserimento degli impianti.

Protesi fissa su impianti.
Corone su impianti: un ponte o una corona su impianti è analoga ad una classica capsula in ceramica che, invece di esser sorretta da un dente, è applicata ad un impianto. In caso di ponti, più corone sono sorrette da più impianti. Le più moderne corone (o ponti) su impianti sono costruite in metallo con un rivestimento estetico in ceramica o in zirconio con rivestimento ceramico.

Protesi mobile su impianti.
Nel caso il numero di impianti applicati non sia sufficiente a sorreggere una protesi fissa, può essere costruita una protesi mobile (dentiera) che viene agganciata agli impianti con l’ausilio di dispositivi d’ancoraggio.
In particolare:
  • overdenture su barra, su 4 impianti applicati viene costruita una barra in metallo su misura che li congiunge tra loro. Con l’ausilio di connessioni a clip in teflon, allla barra viene ancorata una protesi mobile che prende il nome di overdenture. Grazie al suo ancoraggi, l’overdenture risulta molto più stabile rispetto ad una protesi mobile tradizionale (dentiera).
  • overdenture su bottoni, è analoga alla overdenture su barra con la differenza dell’ancoraggio che non si avvale di un’unica barra, ma di 2 o 4 bottoni singoli. I bottoni vengono applicati singolarmente a ciascun impianto. La protesi su bottoni viene preferita alla protesi su barra quando sono applicati solo 2 impianti.
Protesi fissa su impianti a carico immediato:
  • all on four: generalmente su 4 soli impianti è possibile applicare una protesi mobile. Con la tecnica All on four, i 4 impianti possono sorreggere una protesi fissa. Devono essere applicati con una posizione e tecnica di costruzione che permettono una corretta distribuzione dei carichi masticatori.
  • all on six: con la tecnica 'all on six' si posizionano 6 impianti che donano maggiore stabilità e garanzie di successo.

Ortodonzia

L'Ortodonzia è la branca dell’Odontoiatria specializzata nella diagnosi, nella prevenzione e nel trattamento delle malocclusioni, che si manifestano come anomalie di sviluppo e di posizione dei mascellari e dei denti.
Può essere:
  • intercettiva: trattamento ortodontico nei bambini che non hanno ancora completato il percorso di sviluppo di denti ed ossa, volto alla prevenzione dell’insorgenza delle patologie occlusali.
  • fissa: trattamento ortodontico con dispositivi fissi (ove indicato dal piano di cura).
  • rimovibile: trattamento ortodontico con dispositivi rimovibili (ove indicato dal piano di cura).

Gnatologia

La Gnatologia è la branca dell’Odontoiatria che si occupa della diagnosi e cura delle malattie dell’articolazione della mandibola. Si utilizza il Bite, principale strumento di terapia della malattie articolari e delle più comuni parafunzioni quali Bruxismo e Clamping.